Crea sito

PSICHE-Discontinuità della cura nei pazienti affetti da schizofrenia

National Research Project

“DISCONTINUITA’ DELLA CURA NEI PAZIENTI AFFETTI DA SCHIZOFRENIA(PSICHE) “

 

Obiettivi

Identificare i determinanti della discontinuità della cura presso i Dipartimenti di Salute Mentale (DSM) nei pazienti affetti da schizofrenia.

METODI

Popolazione bersaglio

La popolazione bersaglio è costituita dai residenti della Regione Lombardia registrati nell’archivio degli assistiti dal Servizio Sanitario Regionale (SSR) di età fino a 35 anni al momento dell’ingresso nello studio. Lo studio sarà condotto utilizzando gli archivi sanitari automatizzati della Regione Lombardia: i) archivio “PSICHE” in cui vengono registrate tutte le visite presso un Dipartimento di Salute Mentale (DSM) pubblico o privato accreditato; ii) archivio “ASSISTITI” contenente variabili anagrafiche (genere, data di nascita, data di decesso, medico di base, comune di nascita e residenza) e gestionali (data e motivo di ingresso e uscita dalla condizione di assistito); ii) archivio “FARMACEUTICA” che include i farmaci erogati in classe A da ogni farmacia della Regione; iii) archivio “FILE F” che include i farmaci somministrati direttamente a pazienti in regime di assistenza diversa dal ricovero; iv) archivio “OSPEDALIERO” in cui sono registrati tutti i ricoveri presso un ospedale pubblico o privato convenzionato della Regione; v) archivio “AMBULATORIALE” in cui sono registrate le visite e le prestazioni ambulatoriali presso una struttura pubblica o convenzionata della regione. Ognuno degli archivi disponibili è caratterizzato da una chiave identificativa dell’assistito fruitore del Servizio opportunamente criptata da Lombardia Informatica con un algoritmo che garantisce l’univocità della conversione dal codice originale a quello disponibile. Ciò rende possibile, attraverso il record linkage tra gli archivi, ricostruire la storia clinica di ogni individuo appartenente alla popolazione bersaglio, offrendo nello stesso tempo garanzie nel rispetto della privacy di ogni cittadino.

Selezione della coorte

Saranno considerati eleggibili i pazienti di entrambi i generi, residenti nella Regione Lombardia che durante il periodo 1/1/2006-31/12/2007 abbiano sperimentato almeno un contatto con un DSM con diagnosi di schizofrenia (codici ICD10: 2X.XX). La data indice sarà rappresentata dalla data del primo contatto con un DSM durante il periodo di osservazione. Saranno considerati nello studio i pazienti con disturbo all’esordio. Per tale ragione, quattro categorie di pazienti saranno esclusi:

1. Pazienti con età superiore a 35 anni alla data indice.
2. Pazienti che hanno avuto contatti con un DSM nei tre anni precedenti la data d’indice.
3. Pazienti che nei tre anni precedenti la data d’indice sono stati ospedalizzati presso un Servizio Psichiatrico Ospedaliero di Diagnosi e Cura (SPDC).
4. Pazienti che hanno ricevuto almeno una prescrizione di farmaci antipsicotici (N05A) nei tre anni precedenti la data d’indice.

Follow-up

Ogni membro della coorte accumulerà anni-persona a rischio a partire dalla data indice fino alla più precoce tra le seguenti date: insorgenza dell’esito (vedi dopo), morte, emigrazione o termine del follow-up fissato al 31/12/2010.

Esito

L’esito di interesse è rappresentato dal primo episodio di discontinuità con un servizio psichiatrico (DSM o SPDC). La discontinuità è definita da un intervallo di tempo superiore a 90 giorni tra un contatto e quello successivo.

Pages: 1 2

Powered by AlterVista